Parrocchia di Cles

Storia

Edifici di culto

Chiesa di Santa Maria Assunta

 

PARROCCHIA DI SANTA MARIA ASSUNTA

 

Chiesa di San Lorenzo

 

Chiesa di San Pietro

Chiesa di San Tommaso

Chiesa di Santa Lucia

Chiesa del Crocifisso

Chiesa di San Rocco

Chiesa di San Vigilio

 

Chiesa della Madonna delle Grazie

S. Antonio di Padova

 

Addolorata

 

La chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta di Cles è documentata con certezza a partire dall'anno 1188, ma esistono documenti che testimoniano l'esistenza della relativa pieve a partire dal principio del XII secolo, quando vi fu una vertenza tra le pievi di Cles e quella di Tassullo circa le rispettive aree territoriali di influenza. Dell'edificio originario non è rimasta traccia, dati i noti interventi architettonici commissionati da Bernardo Clesio nel primo quarto del XVI secolo, destinati a fare scuola e indicati in seguito come simbolici dello "stile clesiano". L'edificio, nelle sue forme odierne, è frutto di un ulteriore rimaneggiamento occorso nel primo quarto del XIX secolo, quando la navata viene prolungata di due ulteriori campate. La facciata è a due ripidi spioventi, serrata da contrafforti angolari. Al centro si apre il portale inquadrato da un doppio ordine di paraste: le inferiori reggono la trabeazione e inquadrano la luce della porta; le superiori affiancano una lunetta figurata e sostengono una seconda trabeazione. Sopra il portale sono un oculo strombato profilato da motivo a cordone e una monofora archiacuta. Le fiancate sono ritmate, a livello della navata, da otto contrafforti lapidei digradanti, corrispondenti all'articolazione interna delle campate; il prospetto settentrionale è aperto da una finestra presso la prima campata; a livello della quarta campata è posto un ingresso laterale, dotato di portale lapideo architravato. È apprezzabile, a livello della sesta campata, l'emergenza della cappella laterale interna. Il volume leggermente arretrato del presbiterio è occultato dal corpo del campanile. La fiancata destra presenta quattro finestre a tutto sesto, strombate e dotate di cornice lapidea; è presente un accesso laterale all'altezza della quarta campata, e un'emergenza a livello della sesta. A livello del presbiterio si impone il volume della sacrestia. Il prospetto orientale rivela il profilo poligonale dell'abside, i cui stipiti sono marcati da contrafforti a sezione triangolare, aperta da due finestre simili a quelle aperte sulla navata, e da un oculo strombato presso la parete di fondo. Il campanile presenta un fusto quadrangolare ritmato da tre cornici; presso il prospetto occidentale è presente un accesso sopraelevato servito da due rampe di scalini in legno. I quattro prospetti presentano i quadranti dell'orologio appena al di sotto della cella campanaria; questa è marcata da una cornice ed è aperta su tutti i lati da una bifora trilobata coronata da apertura quadrilobata, inserita in una cornice lapidea archiacuta. Il piano sommitale reca doccioni angolari (zoomorfi sugli stipiti rivolti a mezzogiorno) e presenta frontoni ribassati aperti da un secondo ordine di bifore trilobate, su tutti i prospetti, culminanti con sfera e croce apicale. Su questi si innesta la ripida cuspide a piramide ottagonale, coperta da scandole di larice e coronata da sfera dorata e croce apicale. L'interno presenta una navata unica, scandita in sette campate dai peducci di sostegno alle nervature della volta reticolare. In controfacciata si impone il volume della cantoria, sorretta da quattro colonne marmoree, delle quali due semi addossate alle pareti laterali. L'accesso alla cantoria è garantito da due scale a chiocciola poste ai lati dell'ingresso principale. Le pareti laterali, a livello della sesta campata, sono aperte da arcate lapidee a tutto sesto, sorrette da semi pilastri su cappelle laterali. L'arco santo archiacuto ed i pilastri semi addossati alle pareti a profilo poligonale e dotati di basamento, introducono all'ambiente del presbiterio; questo è elevato da tre gradini rispetto al piano della navata, è coperto da una volta reticolare e presenta due accessi contrapposti, dotati di portale lapideo architravato sulle pareti laterali, quello sinistro ai locali della torre campanaria, il destro ai locali di sacrestia.