Esperienza giovani Lourdes 2017

Download
Testimonianze giovani Lourdes 2017
testimonianze giovani lourdes 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 202.8 KB

#ESPERIENZAUNICA

"Se non vai a Lourdes, non capisci la magia e la pace di questo luogo"...ed è vero! Giorni che mi porterò nel cuore per la generosità, la tenacia e la fede che hanno dimostrato questi ammalati nel mettersi in pellegrinaggio. Mi sono resa conto come anche solo un sorriso per loro è tanto e la gioia di essere davanti alla Madonna supera ogni difficoltà o problema. Anche il gruppo che si è creato tra noi giovani è molto affiatato, tra momenti di servizio e altri di svago. Al termine di questa esperienza torno con un bagaglio di umanità, di amore, di sorrisi e di gesti che ti riempiono il cuore.



... un piccolo posto che suscita emozioni

Lourdes, un piccolo posto che suscita enormi emozioni. Posso dire che sono partita con poca convinzione di questa scelta e con aspettative basse, mi aspettavo quattro giorni intensi, ma con poche sensazioni positive. Già dalle prime ore di servizio la mia idea è iniziata a cambiare, un cambiamento positivo che mi ha fatto vivere delle giornate piene e impegnative, ma la fatica non la sentivo grazie al sostegno reciproco e alla compagnia, la gioia e la fede di tutto il gruppo. Queste persone hanno suscitato in me emozioni forti e a volte anche contrastanti tra loro, mi hanno fatto riflettere sulla fortuna che ho avuto nel partecipare a questo pellegrinaggio e che ho tutt'ora e che potrò avere continuando in questa direzione, dando il meglio di me, mettendomi in ascolto e in servizio degli altri. Alcune delle cose che mi hanno colpito di più sono la forza, la determinazione, la devozione, la gioia e la fede degli anziani, che nonostante le difficoltà riescono a continuare con un sorriso, a volte qualche lacrima di puro amore. Ringrazio tutte le dame e barellieri che si sono messi a disposizione di noi giovani ripetendoci le cose anche due volte se necessario, di averci fatto da guida in questa nuova esperienza, poi vorrei ringraziare i Padri, che ci hanno seguito e sostenuto con la loro fede e il Vescovo Lauro per le parole preziose che ci ha donato. 

Mi commuovo perché ho il cuore pieno di emozioni

Sono le 12:00, mi sono appena svegliata e sto pensando ai quattro giorni che ho trascorso a Lourdes!! Mi commuovo perché ho il cuore pieno di emozioni, emozioni forti che questa nuova esperienza mi ha potuto dare! Il giorno prima della partenza ero preoccupata, prevenuta e piena di paura ma appena sono arrivata a Lourdes tutte le paure e le incertezze sono sparite grazie alla presenza dei miei amici, di Don Rolando, di Don Daniele e Don Paolo, delle dame e barellieri che con la loro esperienza ci hanno spiegato cosa fare e cosa vuol dire essere al servizio dei malati.  Una sera, all' incontro di noi giovani, Don Rolando ci ha chiesto quale immagine mi porto via da Lourdes, cosa praticamente impossibile perché gli attimi di gioia , di fatica, di stanchezza, di soddisfazione e commozione sono tantissimi!! Durante questa esperienza ho potuto inoltre capire grazie al vescovo che cos'è realmente il Regno di Dio: è in mezzo a noi, siamo noi giovani che abbiamo il coraggio di metterci in gioco in un' avventura come questa. Nel mio cuore porterò per sempre la luce che riuscivo a vedere negli occhi dei malati quando con una carezza e una semplice battuta riuscivi a rallegrargli le giornate e la cosa più bella è che erano loro a dirtelo, a ringraziarti per quello che stavi facendo, a dirti che gli mancherai e che vorrebbero fermare il tempo per rimanere con te! Un' altra cosa che porterò sempre con me è l' affetto delle dame più grandi, l' amore che ci dimostravano e l' ammirazione che dicevano di avere nei nostri confronti. Lourdes è per davvero una di quelle esperienze che ogni giovane dovrebbe fare una volta nella vita per capire che cos'è il servizio e la fratellanza!!

... ho sentito una gioia indescrivibile...

"Lourdes è diventata per me la seconda casa. Una casa che mi ha subito accolto, mi ha cambiata e soprattutto mi ha davvero dato tanto. Le immagini che non dimenticherò mai sono: il sorriso dei malati, la Grotta è il bagno alle piscine. Un'ammalata, che ha suscitato in me compassione fino alle lacrime, l'ultimo giorno, mentre servivo, mi ha preso delicatamente la mano, l'ha avvicinata a sè e l'ha baciata. In quel momento ho sentito una gioia indescrivibile... che continua a commuovermi. Le gioie provate a Lourdes questi giorni non le avevo mai provate prima e spero di rifare presto quest'esperienza."